Guida all'acquisto di una rastrelliera porta-bici

L’utilizzo della bicicletta come mezzo di trasporto alternativo e non inquinante è sempre più diffuso.

In molte grandi città, il ricorso ad un trasporto ecologico è un vero toccasana, per la salute dei cittadini stessi, a causa dell’eccessivo inquinamento derivante dai gas di automobili, scooter, autobus e treni. L’incremento dell’utilizzo della bicicletta in città, ma anche in paesini collinari è legata in particolare allo sviluppo e la diffusione negli ultime anni della bicicletta elettrica. Difatti, la bici elettrica o a pedalata assistita, rappresenta un valido aiuto a chi desidera spostarsi con mezzi alternativi anche se non perfettamente in forma.

Tuttavia, il crescente utilizzo della bicicletta si scontra con un grosso problema, ovvero il furto.

Sempre più ciclisti, che non desiderano rinunciare agli spostamenti urbani in bicicletta, cercano di risolvere questa problematica da soli, cercando rimedi di “fortuna”.

Ti è mai capitato di vedere nelle strade della tua città, fuori le scuole, in prossimità di stazioni ferroviarie e fermate degli autobus delle biciclette legate a pali o transenne come quelli della segnaletica stradale o per l’illuminazione stradale?

Questi sono solo alcuni esempi, ma fissare la bicicletta ad un palo per la segnaletica stradale oppure a transenne parapedonali non solo può ledere l’immagine della città, ma soprattutto può comportare un ingente dispendio di risorse monetarie, dovuto alla rimozione forzata dei veicoli, necessaria per garantire sicurezza e il rispetto del decoro urbano.

La soluzione pratica che ti consente di risolvere queste problematiche è il porta bici a rastrelliera.

Infatti la rastrelliera porta bici consente di creare aree parcheggio per biciclette. In base all’utilizzo, allo spazio a disposizione ed a seconda del numero di posti che si desiderano è possibile scegliere tra diversi tipologie di rastrelliere.

Per scegliere la rastrelliera giusta, bisogna tener conto di diversi aspetti. Scopriamo insieme quale sono gli aspetti più importanti da tener conto prima di acquistare una rastrelliera porta bici.

Il primo aspetto da tener conto è legato alla scelta del luogo in cui si desidera posizionare il porta bici.
Infatti, la rastrelliera porta biciclette non è solo un elemento di arredo urbano, ma può essere utilizzato anche all’esterno di palestre, centri sportivi oppure all’interno di condomini e strutture private.

Una volta scelta il luogo e l’utilizzo, passiamo a conoscere le principali caratteristiche che differenziano le varie rastrelliere.

Le diverse tipologie

Una caratteristica molto importante riguarda la tipologia di ancoraggio. Infatti, in base allo spazio libero a disposizione, esistono due diverse versioni di porta bici.

Se non hai problemi di spazio e sei alla ricerca di una soluzione pratica è funzionale, allora potrai scegliere tra i portabici da terra. Questa tipologia di rastrelliere si caratterizza per una struttura ancorata al suolo.

Se invece, non hai la possibilità di occupare una superficie del suolo più o meno ampia, allora potrai scegliere tra i portabici a parete.

Questa tipologia di porta bici, consente di ridurre al minimo l’ingombro del suolo ed è molto indicata per un utilizzo privato, adattandosi meno al contesto urbano.

Una particolare variante dei portabici con ancoraggio al suolo, che consente di unire le caratteristiche delle rastrelliere a parete, è rappresentato dalle rastrelliere a sviluppo verticale.

Infatti, questa particolare tipologia di rastrelliera consente di ridurre al minimo l’ingombro del suolo, in quanto l’intera struttura è sviluppata in altezza e non in profondità.

vedi i nostri prodotti

Ancoraggio e installazione

Chiarito, l’importanza della scelta del luogo e della tipologia di rastrelliere, non ti resta che scegliere tra le diverse tipologie di fissaggio.

Infatti, il portabiciclette può essere fissato in svariati modi, a secondo delle tue esigenze e della permanenza.

Vediamo insieme quali sono le principali differenze per ogni tipologia di fissaggio.

Se desideri posizionare la rastrelliera in prossimità di parchi, ville comunali o creare delle aree di sosta permanenti in prossimità di piazze, stazioni ferroviarie o fermate degli autobus, allora il nostro consiglio è di scegliere tra i portabici da interrare o inghisare.

Queste rastrelliere vengono ancorate al suolo tramite il processo di sigillatura con gettate di cemento.

Se invece desideri una struttura stabile, ma che in caso di necessità possa essere rimossa agevolmente, allora potrai scegliere tra i portabici da tassellare.

Queste rastrelliere sono dotate di piastre forate per facilitare le operazioni di fissaggio, l’ancoraggio, infatti, avviene mediante l’utilizzo di tasselli ad espansione e dunque possono essere facilmente rimossi, senza dover ricorrere a scavi e lavori di ripristino del suolo.

Infine, una soluzione molto pratica, ma spesso più ingombrante è legata ai portabici amovibili.

Queste tipologia di rastrelliere non necessita di ancoraggio al suolo, la struttura infatti, è resa stabile grazie ad appositi supporti laterali, spesso realizzati in materiale cementizio.

Una volta compreso quali sono le principali differenze legate alla tipologia di portabicicletta, scopriamo insieme quali sono i principali materiali utilizzati per la realizzazione delle rastrelliere.

Viste i principali sistemi di ancoraggio, vediamo insieme le principali caratteristiche d’installazione.

Per garantire un numero elevato di posti, ottimizzando lo spazio a tua disposizione, potrai trovare molto utili la linea di portabici a rastrelliera a batteria. Alcune rastrelliere, infatti, sono progettate appositamente per favorire l’installazione di più moduli.

Infine, appositamente create per uso privato e per la gestione di eventi, sono le rastrelliere componibili, tutte dotate di una struttura completamente smontabile e modificabile in base alle diverse esigenze.

I materiali

Per evitare che agenti atmosferici nel corso del tempo, possano corrodere e compromettere la struttura del portabici, la scelta di un prodotto realizzato con materiali di qualità è molto importante.

Più diffuse, per qualità intrinseche del materiale sono i portabici in acciaio. L’acciaio oltre ad essere un materiale particolarmente resistente e facile da pulire, attraverso il processo di zincatura (a caldo o a freddo) e verniciatura a polveri, risulta particolarmente resistente agli agenti corrosivi.

Altri materiali utilizzati nella realizzazione delle rastrelliere sono il cemento e il legno.

I portabici in cemento, si caratterizzano per la struttura amovibile, dato il peso elevato del materiale. Tuttavia molto spesso, questo materiale è utilizzato anche come supporto laterale ai portabicicletta in acciaio.

L’utilizzo di rastrelliere in legno è meno diffuso, ma rappresenta una soluzione più ecologica, adatta soprattutto per parchi e ville.

vedi i nostri prodotti

Le principali caratteristiche

Una volta esaminati tutti i punti sopra indicati, non ci resta che scoprire insieme, le principali caratteristiche che distinguono i vari porta bicicletta.

La prima caratteristica che andiamo a veder riguarda il posizionamento delle staffe reggi ruota.

In base allo spazio a tua disposizione potrai scegliere tra i portabici bifrontali, monofrontali oppure quelli con reggi ruota a livelli sfalsati.

Vediamo insieme, cosa distingue queste tre tipologie di rastrelliere. Tra le soluzione più ingombranti rientrano le rastrelliere monofrontali e bifrontali.

Le rastrelliere monofrontali, si differenziano dai portabici bifrontali in quanto consentono la sosta delle biciclette da un unico lato. Invece le rastrelliere bifrontali, a parità di dimensioni consentono la sosta ad un numero maggiore di biciclette in quanto permettono di parcheggiare da entrambi i lati. Tuttavia proprio per consentire l’accesso da ambo i lati, necessariamente richiedono un spazio maggiore.

La soluzione salvaspazio è rappresentata dai portabici con reggi ruota su due livelli. Questi portabici disponibili sia nella versione monofrontale che bifrontale, grazie all’apposita struttura creata con staffe reggi ruota posizionate a livelli sfalsati, consente a parità di dimensioni di accogliere un numero maggiore di biciclette.

Altri aspetti

Dopo aver visto insieme i principali elementi che consentono di distinguere le diverse tipologie di rastrelliere portabici disponibili sul mercato è il momento di guardare insieme alcuni particolari molto utili per unire un servizio attento alle esigenze dei ciclisti ad un design che si adatti alla perfezione all’ambiente urbano.

Abbiamo visto come i materiali utilizzati nella costruzione delle rastrelliere subiscono dei trattamenti anticorrosivi, per evitare che gli agenti atmosferici possano compromettere la struttura. Il problema della corrosione, non è un problema solo della rastrelliera, ma può riguardare anche la bicicletta.

In risposta a questa problematica esistono delle particolari rastrelliere con pensilina. Queste rastrelliere essendo più ingombranti sono particolarmente adatte ad essere collocata all’interno di condomini oppure in prossimità di stazioni e fermate degli autobus, in quanto garantisco la sosta a lungo termine.

Se invece desideri curare anche il lato estetico ed offrire un servizio che unisca la funzionalità e la praticità al design, allora scegli la linea di portabici di design. Queste rastrelliere sono realizzate con attenzione e cura di ogni dettaglio e con materiali di altà qualità. I diversi modelli disponibile, si adattano sia a contesti urbani storici che moderni.

Un’altro aspetto importante, che può caratterizzare la rastrelliera è l’utilizzo del cartellone pubblicitario.

Il portabici con spazio pubblicitario, è una particolare rastrelliera dotata di un cartellone che consente l’affissione di messaggi pubblicitari, o semplicemente di informazioni utili, come orari dei treni, autobus o eventi cittadini.

L’ultimo aspetto invece riguarda il tipo di ancoraggio, con lucchetti o catene, della bicicletta alla rastrelliera.

Per questo distinguiamo le rastrelliere dotate di apposite staffe che permettono di fissare il telaio della bicicletta con lucchetti, da quelle dotate di soli reggi ruota.

Se desideri una rastrelliera su misura o per ricevere ulteriori consigli, contattaci a info@holity.com oppure chiamando al numero 081 80 87 452.

vedi i nostri prodotti

Scarica la guida in pdf